Le Acli provinciali di Foggia in “piazza” per dire no alle mafie

Mafia è una parola che sa di omertà, che va combattuta oggi più che mai, a chiedercelo è la nostra terra, è la nostra Foggia. Foggia è una città che non si ama e non si può amare se non facendosi carico della cura dalla malattia mafiosa, dall’illegalità.

Le Acli sposano pienamente l’iniziativa di scendere in piazza, di recuperare i luoghi pubblici per farne terra di discussione, di animazione politica, di coscientizzazione cittadina orientata al bene comune, al ben-essere della comunità, perciò saranno in prima linea questo venerdì 10 gennaio con “Foggia Libera Foggia” assieme a Don Ciotti e alla parte sana di gente che vuole bene a questa città e che vuole intendere di garantire un futuro in una Foggia “pulita” alle generazioni future. Ecco, allora, che la presenza dei lavoratori e delle lavoratrici, degli studenti di ogni ordine e grado, del mondo economico, delle parrocchie e di ogni singolo cittadino è più di un fatto simbolico, ma la via di un percorso di disintossicazione di una Foggia inquinata che già dall’inizio dell’anno, in poco tempo, ha dimostrato la recrudescenza di atti spiacevolissimi e contrari al vivere comune.

Foggia, 7/01/2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *